Twitter Observer

Wordr: quando 140 caratteri sono troppi

Scritto il: 12 Dicembre 2009 in: Recensioni

La nascita e lo sviluppo del fenomeno Twitter ha avuto come controparte l'affermarsi di piattaforme di microblogging dedicate ad un tema specifico. È il caso, per esempio, di Thankfulfor che si prefigge lo scopo di diventare il punto di riferimento per condividere con il mondo la propria gratitudine verso qualcuno o verso qualcosa.

Wordr: quando 140 caratteri sono troppi

Wordr è uno dei figli di Twitter e la sua caratteristica è quella di permettere di inviare "tweet" (lasciatemi correre il termine) composti di una sola parola composta al massimo di 28 caratteri.

Wordr interfaccia

La cosa interessante di Wordr è che ci stimola a creare nuove parole che andranno a comporre il nostro vocabolario. Inoltre per ogni parola che scriviamo veniamo informati se è la prima volta che viene usata o in caso negativo quante volte è stata usata.

Leggi anche

Thankfulfor condividi con il mondo la tua gratitudine in 140 caratteri

Hai trovato degli errori o delle imprecisioni nell'articolo? Segnalami quello che non va, ti ringrazio in anticipo